Domanda:
Quali sono gli svantaggi di una stanza pressurizzata?
Fil
2017-01-05 21:33:16 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La porta di una camera da letto è chiusa 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Qualcuno mi ha detto: "Stai attento. Sembra che tu stia pressurizzando la stanza".

La stanza è abbastanza pressurizzata, suppongo; Posso sentire l'aria che fuoriesce da sotto il fondo della porta se resto fuori dalla stanza e di fronte alla porta chiusa.

Ma cosa c'è di male in questo? Non capisco il significato pratico della pressione dell'aria.

Stiamo tutti supponendo che tu abbia forzato l'aria calda in casa tua. Se ** non **, allora hai dei veri problemi!
Potresti spiegare cosa sta pensando questo qualcuno è il danno se la stanza viene "pressurizzata".
Lo chiedo perché il mio spidey sense per le probabili sciocchezze pseudoscientifiche sta formicolando.
Alcuni mesi fa mi è stato chiesto di progettare una stanza sicura pressurizzata presso un impianto di carico dell'ammoniaca. Scorrendo anche se la mia mascella è caduta al titolo di questo. Mentre ho imparato un sacco di cose sulle stanze pressurizzate, niente di tutto ciò è applicabile a te tranne che ci sono praticamente zero effetti sulla salute per il tipo di pressione che stai vivendo.
@whatsisname Come posso spiegare ciò che costituisce la premessa della mia domanda? Se avessi chiesto a quella persona al momento dell'interazione, non avrei postato questa domanda, motivo per cui lo sto chiedendo ora, dopo il fatto. (Ho pensato che fosse un dato di fatto.) Inoltre, non è esclusivamente questa persona che ho sentito fare questa affermazione; ci sono infatti risposte proprio a questa domanda che sottolineano l'importanza di avere condotti di ritorno, _ancora_ senza spiegare l'inconveniente di non averne.
La mia casa ha un condotto di ritorno centrale per le camere da letto e la porta della camera da letto principale chiude in modo relativamente stretto. Un effetto è che quando la porta è per lo più chiusa, la pressione dell'aria costringe la porta a chiudersi piuttosto bruscamente. Se sto provando a sgattaiolare fuori dalla stanza per giocare ai videogiochi dopo che mia moglie si è addormentata, lo sbattere della porta la sveglia e devo tornare a letto.
@stannius Complimenti per essere la prima persona a fornire un _real_ svantaggio a una stanza pressurizzata. Sono d'accordo sul fatto che una porta che si chiude energicamente sia un fastidio (e, se hai dei giovani in casa, un pericolo).
Sei risposte:
#1
+12
isherwood
2017-01-05 21:39:32 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In una casa configurata correttamente, la canalizzazione dell'aria di ritorno è il percorso di uscita del flusso d'aria. Non c'è un significativo accumulo di pressione in nessuna stanza indipendentemente dalla posizione della porta.

Nelle case più vecchie senza condotti di ritorno o prese d'aria esclusivamente nelle aree comuni, il percorso dell'aria di ritorno è effettivamente attraverso o intorno alla porta. Tuttavia, l'accumulo di pressione è estremamente ridotto a meno che la porta non sia straordinariamente ben sigillata.

Probabilmente dovresti chiedere a "qualcuno" qual è effettivamente la sua preoccupazione. La differenza di pressione nella tua situazione è minuscola, probabilmente non abbastanza da far scoppiare le orecchie. L'unico aspetto negativo che riesco a trovare è l'accumulo di coniglietti di polvere fuori dalla tua porta.

La mia casa ha un riscaldamento ad aria forzata con registri di aria calda in ogni stanza, ma nessun condotto dell'aria di ritorno in nessuna stanza, i condotti di ritorno sono nei corridoi al piano di sotto e al piano di sopra. Quindi chiudere qualsiasi porta della stanza rende la stanza "pressurizzata" in quanto l'unica via di fuga è intorno e sotto la porta. Non penso che ci sia alcun danno reale a parte una contropressione leggermente più alta per il ventilatore del forno e forse un po 'meno calore nella stanza poiché c'è meno flusso d'aria.
Quando una stanza non ha un condotto di ritorno, è normale installare uno sfiato nella porta per alleviare la contropressione, specialmente quando la porta dovrebbe essere chiusa tutto il tempo, come una porta del bagno con un chiudiporta automatico.
O il muro, l'ho visto.
David Tweed, non sto cercando di essere controverso, ma non ho visto prese d'aria nelle porte delle camere da letto nelle case del tratto che non hanno prese d'aria di ritorno. Sarebbero sgradevoli e diminuirebbero la privacy. Naturalmente, nei giorni precedenti all'aria condizionata nel sud avevamo soffitti molto alti (12 e 14 piedi) e c'erano grandi traversi apribili sulle porte per consentire il flusso d'aria. Questo è davvero estraneo alla questione di ciò che accade in ambienti chiusi con HVAC centrale ad aria forzata.
A meno che non causi problemi al forno.
#2
+7
Periata Breatta
2017-01-06 01:24:08 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Una tipica porta interna ha uno spazio di circa 3 mm lungo ciascun lato e in alto, e spesso 5-10 mm sotto. Ciò fornisce un'area di circa 20.000 mm ^ 2, o circa la stessa area di un condotto da 150 mm (6 "). A meno che non si agisca per impedire il flusso d'aria attraverso queste fessure (ad esempio l'installazione di paraspifferi o un chiudiporta automatico che spinge saldamente la porta contro telaio), non vedrai un notevole accumulo di pressione. Ora lo spazio intorno a una porta non fornisce esattamente un percorso libero per il flusso d'aria, ma anche assumendo un alto coefficiente di attrito per l'aria che fuoriesce attraverso la porta, un 0,05 kPa la differenza di pressione (che è molto piccola) causerebbe da 0,5 a 1 metro cubo (circa 15-30 piedi cubi) di flusso d'aria al minuto. La tua stanza riceverà comunque un'adeguata ventilazione e non troverai un notevole cambiamento di pressione tra due lati della porta.

#3
+1
Jim Stewart
2017-01-05 22:34:46 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Se il tuo sistema HVAC ad aria forzata non ha condotti di ritorno o se il ritorno in questa stanza è troppo restrittivo, l'aria di ritorno deve fluire sotto la porta in un corridoio e giù per la presa HVAC nel corridoio. Se non usi molto questa camera da letto, potresti voler limitare l'aria in ingresso al condotto in questa stanza e / o aprire più largamente le prese d'aria in altre stanze per diminuire la pressione nelle prese d'aria e bilanciare il riscaldamento e il raffreddamento .

Se usi molto questa stanza e hai bisogno di questa quantità di flusso d'aria, potresti considerare di tagliare 1/4 di pollice dal fondo della porta per consentire più flusso fuori dalla stanza. Ho installato nuove porte di quercia nelle camere da letto della nostra casa e ho sbagliato a lasciare le porte troppo vicine al pavimento di piastrelle. Ciò significa che devo bilanciare attentamente le feritoie di restrizione sui condotti dell'aria per evitare di pressurizzare una stanza particolare.

Se lo spazio sotto la porta non è sufficiente, la stanza potrebbe diventare pressurizzata e se c'è un bagno fuori dalla camera da letto potresti perdere aria condizionata attraverso la presa d'aria del bagno.

Modifica : Ora penso dai commenti e dalle risposte che un'intera camera da letto non potrebbe essere pressurizzata abbastanza per forzare l'aria significativa fuori dallo sfiato del bagno.

In base al modo in cui è scritta questa risposta, è evidente che è da evitare una stanza pressurizzata. Tuttavia, ancora non capisco il rovescio della medaglia. Quali risultati negativi si verificano quando una stanza non ha una grande apertura per la fuoriuscita dell'aria dalla stanza?
Prego che la tua risposta alla mia domanda di cui sopra non sia _ "La stanza sarà pressurizzata." _
uno spazio di 1/4 di pollice sul fondo di una porta larga 36 "offre 8 pollici quadrati di spazio di ventilazione, che in realtà è più di quello che si ottiene da un tipico ingresso del condotto di ritorno da 4". Non hai bisogno di avvicinarti fino a questo punto.
Certamente non stavo pensando a nessuna conseguenza fisiologica di avere una stanza leggermente pressurizzata, e originariamente non ho interpretato l'affermazione dell'OP come qualcuno preoccupato per questo, ma ora mi rendo conto che alcune persone immaginano un problema dove non ce n'è uno. Il mio unico pensiero (espresso sopra) è che l'aria potrebbe essere forzata fuori dallo spazio condizionato nella soffitta o all'esterno attraverso, ad esempio, la ventola del bagno. L'effetto di ciò sarebbe che ciò si tradurrebbe in una pressione complessiva più bassa nel capannone e nell'aria incondizionata fluirebbe attraverso perdite e prese d'aria.
Si dice che le perdite nei condotti HVAC (pressurizzati) nell'attico causino una leggera sottopressione nello spazio condizionato che aspira aria non condizionata dall'esterno dello spazio condizionato. Ma sulla questione se un'intera stanza possa essere pressurizzata così tanto da causare questo effetto, l'analisi nei commenti e nelle risposte indica che c'è abbastanza spazio libero intorno alle porte che questo effetto sarebbe insignificante.
#4
+1
Robert Guico
2017-01-06 01:10:17 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Per quanto riguarda gli "effetti pratici", la quantità di aria riscaldata (raffreddata) che attraversa questa stanza è inferiore a quanto sarebbe altrimenti. Ciò potrebbe influire sulla durata dell'apparecchio poiché durerebbe più a lungo per portare la stanza a temperatura, a seconda dell'entità del cambiamento di rotta!

_ "Ciò potrebbe influire sulla durata dell'apparecchio poiché durerebbe più a lungo / più per portare la stanza a temperatura" _. Come ho scritto nel mio commento a Eric Johnson, la mia esperienza è stata esattamente l'opposto. L'eliminazione dei punti di fuga per l'aria nella stanza (ad esempio, una porta) aumenta l'effetto dell'aria (riscaldata o raffreddata) dalle prese d'aria, diminuendo quindi moderatamente la frequenza e / o l'intensità con cui questi apparecchi centrali devono essere eseguiti.
#5
+1
Mazura
2017-01-06 07:10:11 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Potresti congelare la bobina CA o far scattare il forno a causa del surriscaldamento, a causa della mancanza di flusso d'aria. Per quanto riguarda gli esseri umani, non c'è nessuna preoccupazione.

#6
  0
Eric Johnson
2017-01-06 00:48:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L'aria vorrà muoversi lungo il percorso di minor resistenza. Se blocchi le uscite di una stanza, avrebbe lo stesso effetto di bloccare l'ingresso dell'aria nella stanza. Ciò si tradurrà in una pressione positiva, ma anche in nessun flusso d'aria aggiuntivo nella stanza poiché l'aria fluirà in altre stanze che hanno un ritorno.

Ciò potrebbe far sì che la stanza sia fredda perché non fluirebbe aria aggiuntiva in esso.

_ "Se blocchi le uscite di una stanza, avrebbe lo stesso effetto di bloccare l'ingresso dell'aria nella stanza." _ Eh? Puoi spiegarlo in dettaglio? Forse questo è vero in un ambiente teorico. Ma, almeno nel mio caso, la ragione per cui la porta è sempre tenuta chiusa è per _intensificare_ l'influenza dell'aria (riscaldata o raffreddata) che esce dalle tre bocchette del pavimento della stanza. In altre parole, quando il caldo è acceso e la porta è chiusa, la temperatura della stanza è di qualche grado più alta che se la porta fosse stata tenuta aperta.
Voi due state descrivendo due diversi scenari. Se il percorso dell'aria di ritorno è completamente bloccato, prima che si formi una pressione sufficientemente lunga da impedire al forno di forzare l'aria riscaldata nella stanza, provocando alla fine una temperatura * più fresca *. In realtà, questo non può accadere: ci sono sempre alcune perdite. Tuttavia, se il ritorno è solo parzialmente bloccato, la stanza tende ad accumulare aria calda più velocemente che in altre stanze, determinando una temperatura più alta.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...