Domanda:
Il composto per giunti essiccato può essere reidratato?
Bob
2014-10-04 01:39:10 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho un contenitore di fango secco del muro a secco e mi sono chiesto se c'è qualcosa che posso fare per renderlo nuovamente utilizzabile.

Non una risposta, ma un consiglio generale: se acquisti un secchio da 5 galloni in viene fornito con un telo di plastica per coprire il fango. Lascialo lì: quando hai finito di rimuovere il fango, comprimilo e assicurati che copra tutto il fango. Quindi chiudi il coperchio e assicurati che sia ben saldo: dovrebbe avere diverse parti sul bordo che scattano in posizione. Infine, lascialo aperto per il minimo tempo necessario: raccogli un po 'di fango nel vassoio del fango e chiudilo subito. Meno tempo ha per asciugarsi, meglio è.
Rimuovendo il commento di cui sopra da User4302, puoi anche usare la pellicola trasparente (come per i panini) come "topper" nel tuo secchio.Lo abbiamo fatto quando vendevo / consegnavo prodotti per cartongesso per prodotti danneggiati che avremmo messo in liquidazione (con uno stupido sconto) o portato a casa per i nostri usi.
Sette risposte:
#1
+9
bobfandango
2014-10-04 01:58:45 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il fango del muro a secco è così dannatamente economico, perché dovresti farlo?

Detto questo, in realtà l'ho provato io stesso una volta perché ero temporaneamente senza una macchina per raggiungere il negozio ed ero impaziente . Sono riuscito a ottenere una consistenza un po ' praticabile, ma non importa quello che ho fatto, non sono riuscito a tirarne fuori i grumi. Penso che se l'avessi lasciato riposare e reidratato per un periodo più lungo, forse avrei potuto eliminare i grumi. Ma a quel punto, avrei avuto la macchina e l'ho buttata via tutta.

Non penso che possa essere reidratato: è un prodotto in lattice e, una volta indurito, è difficile. ** + 1 per lanciare e ottenere un nuovo secchio. ** Se avessi un disperato bisogno di un muro a secco liscio su un'isola deserta, potresti forse aggiungere acqua, mescolare, aspettare e poi spingerlo attraverso uno schermo per rimuovere i grumi, ma qualsiasi grumo più piccolo dello schermo passerebbe ... e perché dovresti stressarti per il muro a secco liscio su un'isola deserta, comunque ???
Per il prezzo del fango del muro a secco, sono abbastanza sicuro che il secchio stesso costa quanto il fango.
#2
+9
Phil Frost
2014-10-04 18:59:01 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Anche se puoi reidratare il fango, il materiale reidratato che produci non funzionerà in modo accettabile.

Il motivo è nel legante, la sostanza che lo fa indurire e aderire al muro. Di solito è alcol polivinilico (PVA). Per riferimento, vedere la MSDS del composto per giunti multiuso USG Sheetrock, che elenca il "polimero di alcol vinilico" come ingrediente.

Il PVA è solubile in acqua, ma per il momento lo ha essiccato, la reazione di polimerizzazione che lo fa funzionare come una colla è già avvenuta. Bagnarlo quindi in qualche modo inverte questa reazione, ma non completamente. Anche se rimuovi tutti i grumi, a livello microscopico avrai ancora molto PVA polimerizzato e altri prodotti della reazione. Avrai essenzialmente un composto per cartongesso in cui una parte significativa del legante si è già "asciugata", quindi quando il composto reidratato si asciuga di nuovo, non si legherà come dovrebbe.

Di conseguenza, tu otterrà una scarsa adesione al muro e allo stesso modo la vernice non aderirà bene. Questo caso di studio (ora protetto da paywall, vedi versione archive.org) esamina un caso in cui gli appaltatori di cartongesso hanno diluito un composto di cartongesso eccessivamente nuovo e hanno ottenuto un risultato simile. Sebbene non sia esattamente il tuo caso, dovrebbe dimostrare come la reazione di polimerizzazione nel composto per giunti non sia una semplice essiccazione e possa essere interrotta deviando dalle condizioni appropriate.

Bella analisi e +1 per il link del caso di studio. Penso che questo dovrebbe mettere fine a questa e qualsiasi discussione futura su questo argomento o sull'alterazione / assottigliamento del fango del muro a secco. @Phil Frost, sono curioso di sapere se potresti dare una rapida ripartizione sulla differenza tra composto articolare e topping?
@JimmyFix-it, la mia comprensione è che il composto di copertura ha meno legante ed è progettato per essere miscelato più diluente. Ad alcune persone piace lavorare con fango più sottile, come nel caso di studio. Non sono una di quelle persone. Il compromesso per una consistenza sottile e una facile levigatura è un legame meno durevole, quindi non useresti il ​​composto per la copertura per l'incorporamento del nastro. Uso il fango generico (coperchio verde) o il fango caldo fino in fondo. Quando ho usato anche il "leggero per tutti gli usi" (coperchio blu), ho riscontrato che l'adesione della vernice è scarsa e trovo che il fango per tutti gli usi sia abbastanza carteggiabile.
grazie Signore; Ho sempre usato tutti gli usi dappertutto ma non ero sicuro di cosa dire alle persone sulla copertura, ora dirò loro "non per il nastro, solo per la finitura", grazie ancora.
#3
+2
user23534
2014-10-04 08:51:07 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Purtroppo non è possibile bagnare nuovamente il composto per cartongesso e ottenere un prodotto utilizzabile. Si decomporrà in un impasto ruvido, ma la consistenza non sarà mai abbastanza liscia da ottenere un finale di discesa.

Devo ammettere, tuttavia, che è lì che finiscono le mie conoscenze, quindi ho dovuto chiedermi ... perché? Perché non torna indietro nel fango da dove è venuto? Quindi, per soddisfare la mia curiosità, ho iniziato a cercare su Google.

Purtroppo, secondo Google, per capire il "perché" sembra che sia necessaria una laurea in chimica, che io non ho. Fondamentalmente ci sono reazioni chimiche nel tipo di presa che non possono essere annullate con l'aggiunta di acqua, e ci sono additivi nel tipo di essiccazione che si disperdono, principalmente etilene vinil acetato. Senza sostituirli non otterrai mai la stessa consistenza. Suppongo che se aggiungessi di nuovo quelle sostanze chimiche con l'acqua potresti arrivarci ma, come ha sottolineato Bobfandango, il fango costa così poco perché dovresti andare a tali distanze. Non sono sicuro di cosa abbiamo imparato qui oggi, ma la risposta breve è: no.

#4
+1
Michel Cardin
2019-06-08 03:46:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sono un taper e puoi reidratare qualsiasi cosa e se ha pezzi; è necessario aggiungere lentamente acqua per assicurarsi che l'abrasione necessaria avvenga durante la miscelazione (se diventa souppy; non sarà veloce). Se è 90,45 o 20; poi acqua molto calda dopo aver scaldato possibilmente il fango nel contenitore e lasciate riposare coperto in una zona calda e l'acqua lo scioglierà e quando potrete mescolarlo; aggiungi della colla per legno e usala come fango per nastri.

Ciao e benvenuto a Miglioramento della casa.Grazie per la risposta;continua a farli venire!
#5
  0
Aldo DIY
2015-12-13 10:24:14 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sono riuscito a reidratarmi a sufficienza per rattoppare alcuni piccoli graffi dalla rimozione della carta da parati e buchi dall'estrazione delle unghie. Quindi tieni quella vasca asciutta in un sacchetto di plastica sigillato nel caso in cui vengano visualizzati altri piccoli progetti come questo.

Come sei riuscito a reidratarlo?
Questo lo rende utile come stucco o riempitivo per buchi, ma non per sigillare effettivamente i giunti del muro a secco.
#6
  0
Ed Beal
2018-02-08 23:56:56 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho reidratato il fango aggiungendo acqua e mescolando. Sto parlando di fango premiscelato, il fango caldo non può essere reidratato, compravo fango in polvere secca e finivo con solo una piccola quantità necessaria per oltre 30 miglia città ho messo un po 'd'acqua e ho usato un trapano per reidratare un po' di vecchio premiscelato, ho aggiunto altra acqua fino a quando non era la giusta consistenza e ha funzionato alla grande, salvo il foglio di plastica sui secchi ora e non si asciuga mai o almeno entro un anno o giù di lì. Uso sia il nastro di carta che la rete di nylon a seconda della zona e non ho avuto problemi a reidratarne un po ', ma ci vuole un po' di tempo per mescolarlo.

#7
  0
Reece Scott
2019-04-14 07:10:41 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La mia comprensione da un punto di vista chimico di base è: no, anche se sembra simile, sarà un prodotto diverso senza la forza o le qualità di adesione dell'originale.

Il set di reidratazione PVA menzionato nei commenti precedenti è problematico +1. Inoltre il prodotto contiene calcare sotto forma di calcio idrato (idrossido di calcio). Quando viene mantenuto umido rimane in quella forma ma a contatto con l'ossigeno reagisce e si trasforma in carbonato di calcio (detto anche calcare ma chimicamente diverso). Quando si asciuga in carbonato di calcio crea la cura nella forma dura in cui è modellato. Dove, utilizzando una soluzione reidratata di carbonato di calcio, non c'è polimerizzazione chimica e il legame è debole, polveroso e si rompe, scheggia e si sbriciola facilmente.

È la differenza tra un blocco di calcare e una torta di fango in polvere calcarea.

Per trasformare il calcare (carbonato di calcio) in calcare (idrossido di calcio) devi prima aggiungere 825 ° C di calore per trasformarlo in calcare (ossido di calcio), quindi aggiungere acqua attraverso un processo chiamato allentamento, che trasforma torna in calcare (idrossido di calcio).



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...